Centrale teleriscaldamento
Chiusa

Centrale
teleriscaldamento
Chiusa

luogo

Chiusa

committente

Teleriscaldamento
Chiusa Srl

progettazione

Roland Baldi Architects

collaboratori

Thorsten Götz
Rodolfo Zancan

concorso

2004

ultimazione

2007
foto

Oskar Da Riz

premi

2009
Premio Architettura Città di Oderzo, menzione

2008
Premio Internazionale Architettura Sostenibile, shortlist

La centrale di teleriscaldamento, risultato di un concorso vinto, è posta al margine di Chiusa, sull’area che una volta era occupata dalla stazione della ferrovia della val Gardena; compresa fra autostrada, strada statale e ferrovia. L’edificio si leva dal terreno come una grande ala, come un cuneo il volume dinamico del tetto si inserisce fra viadotto e l’edificio delle vecchie rimesse ferroviarie. Su entrambi i lati corti il tetto scende fino a terra. La grande facciata vetrata che si determina sul lato nord lascia intravvedere il cuore dell’impianto: le macchine per la produzione del calore. L’edificio, il cui aspetto scultoreo è stato sottolineato con una sapiente progettazione dell’illuminazione, contiene al suo interno tre ambiti: il deposito del cippato, il vano caldaia e gli spazi per i motori per la cogenerazione. I materiali che dominano sono il rame della copertura, il legno della struttura portante del tetto e delle lamelle in facciata. Ai toni bruni si contrappone il grigio del calcestruzzo a vista di soffitti, pareti e pavimenti, abbinato al verde brillante dei pavimenti in linoleum di alcune zone.